Antonio Gramsci

«Per vent’anni dobbiamo impedire a questo cervello di funzionare». Così il pubblico ministero Isgrò concluse la sua requisitoria.  E infatti Gramsci, il 4 giugno 1928, venne condannato a venti anni, quattro mesi e cinque giorni…