Attenti ai classici

the-lovers-1

Il “Corriere delle Sera” segnala che alla Columbia University si dibatte sull’ipotesi di segnalare i «rischi» della lettura di testi greco-romani. L’articolo è di Serena Danna, eccone un estratto:

La lettura delle Metamorfosi di Ovidio può arrecare gravi disturbi alla psiche dei laureandi. Suona più o meno così l’avvertimento con cui — secondo alcuni studenti della Columbia University — andrebbe introdotta nelle aule universitarie la lettura dei miti greco-romani. A chiederlo, con un editoriale sul Columbia Daily Spectator , è il comitato che si occupa di vigilare sul multiculturalismo dell’università, che ha definito l’opera del poeta latino «un testo che, al pari di molti libri del “canone” occidentale, contiene materiale offensivo e violento che marginalizza le identità degli studenti nella classe».
La denuncia è arrivata dopo la settimana di studio dedicata alle Metamorfosi , in cui gli studenti del corso di letteratura classica hanno affrontato diversi miti — tra cui quello di Persefone, Dafne e Filomela — contenenti immagini di stupro e atrocità. Una studentessa vittima di violenza sessuale ha lamentato l’atteggiamento del professore che, nel narrare quelle gesta, si è «focalizzato sulla bellezza dello stile e sullo splendore del linguaggio figurato». Una scelta che ha costretto la giovane donna a chiudersi in se stessa. «Non si è sentita tranquilla — ha accusato il comitato preposto «ad assicurare che il campus della Columbia sia sicuro e ospitale per tutti gli studenti».

L’unico commento ragionevole che si può fare è riportato alla fine dell’articolo:

È tempo per i nostri studenti — ha scritto The New Republic — di imparare che la vita è offensiva. Una volta che lasceranno il college, saranno costantemente esposti a immagini ed episodi che li offenderanno e aggrediranno». Difficilmente però ci saranno etichette o comitati pronti ad avvisarli.

L’mmagine è di  René Magritte, “Gli amanti” – 1932

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.