Narrazione e realtà

Renzi

Quelli della Leopolda la chiamano “storytelling“. In italiano, a dire il vero, si chiama narrazione (di storie), e la narrazione richiede anche una certa dose di originalità. C’è però un problema: la necessità di uno stringente collegamento tra originalità e ordine intellettuale. Altrimenti, prima o poi, crolla tutto il castello, se le fondamenta narrative dell’ipotetica realtà sono di argilla. Ad esempio, guardiamo l’immagine sopra: in realtà Renzi non è affatto mancino:

Renzi firma

L’immagine è falsa sotto molti aspetti. Però è suggestiva, esteticamente funziona: appartiene infatti allo storytelling di sé stesso. Alla facciata superficiale di un singolo individuo.

C’è una massima di Vauvenargues: “E’ più facile dire cose nuove che metter d’accordo quelle che sono state già dette.” E’ più difficile instaurare un ordine intellettuale collettivo (e ce ne sarebbe bisogno come del pane) che inventare arbitrariamente dei principi nuovi e originali. E’ necessario un ordine intellettuale, accanto all’ordine morale, e all’ordine… pubblico. Per creare un ordine intellettuale, è necessario un “linguaggio comune”. Anche il filisteo è un originale, così come lo scapigliato, ma anche certi truffatori e criminali. Nella pretesa dell’originalità c’è molta vanità e individualismo, ma poco, veramente poco spirito creativo. Tantomeno spirito collettivo.

Matteo Renzi è un’ottimo narratore. Originale il giusto, a dire il vero. Comunque sì, a suo modo è abbastanza originale, anche se assomiglia molto a qualcuno che lo ha preceduto. Il problema sta nelle fondamenta: nelle radici, nell’ordine intellettuale che dalle radici dovrebbe derivare. Chi non ha radici, potrà anche essere originale, ma non crea di certo un linguaggio comune. Né ordine intellettuale. Il ruolo dello “statista”, però,  dovrebbe essere quello di unire, non di dividere. Senza ordine intellettuale non si crea altro che frammentazione; nella frammentazione proliferano sempre gli interessi di parte, mai quelli della collettività. La narrazione continua, e questo è tutto. Finchè…

…”Non era esattamente questo ciò che ci aspettavamo dal Renzi che ci era piaciuto. Allorché per esempio egli aveva promesso di «rimettere in moto l’Italia»: cioè, nella nostra mente, di aiutare il Paese a ritrovare se stesso, il senso smarrito di ciò che esso era stato e che ancora nel suo intimo era; a immaginare le prospettive possibili del suo futuro. Ma non solo: anche aiutarlo a far riacquistare vigore all’interesse pubblico e alle funzioni dello Stato centrale, a spazzare via privilegi e corporativismi soffocanti, aiutarlo a cancellare il fiume di inefficienze, di sprechi e di spese inutili che quotidianamente porta soldi nelle tasche dei furbi togliendole a quelle dei cittadini che furbi non sono. Allorché avevamo creduto, per l’appunto, che Renzi avesse l’energia e la voglia di cimentarsi con simili sfide.

Certo, sappiamo fin troppo bene che la realtà dei fatti è necessariamente diversa da quella dei propositi. Ma quel Renzi che ci piaceva, forse piaceva a Renzi stesso. E oggi, forse, anche lui — mi piace credere — lo ricorda ogni tanto con un certo rimpianto.” (Ernesto Galli della Loggia– Corriere della Sera, 6 aprile 2016)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.