Un «Moloch mostruoso che mette a rischio la conservazione del patrimonio architettonico». Questo il pacato giudizio di “Italia Nostra, associazione bolognese in difesa del patrimonio artistico”, che troviamo in una lettera aperta indirizzata a Comune e Belle Arti. Anche i comitati dei residenti, ovviamente, scrivono al sindaco Virginio Merola e al soprintendente minacciando ricorsi. “È bufera su Comune e soprintendenza per il “castello di container” in piazza Verdi (…) Una sollevazione collettiva che tuttavia non impressiona l’assessore Matteo Lepore: «I container resteranno lì da un minimo di due settimane a un massimo di un mese e mezzo, per accogliere anche eventi legati ad Artefiera. Sono provvisori» ha spiegato l’assessore ieri in question time. Contro di lui si scaglia però mezzo consiglio comunale, dalla Lega, al M5S, a Coalizione civica.” (Silvia Bignami su la Repubblica Bologna  del 13 gennaio scorso).

Visto l’argomento “dirompente” (qui a Bologna), scendono in campo i pezzi da novanta: “Philippe Daverio va controcorrente: «I container? Non li condannerei, li trovo interessanti e piazza Verdi non è certo lo spazio più importante della città». Un giudizio che deflagrerà come una molotov tra i bolognesi, i quali in massa hanno condannato gli “scatoloni” installati di fronte al Teatro Comunale. (…) Insomma, i container sono promossi? «Guardi, sono sicuro che se una cosa di questo tipo l’avessero realizzata a Berlino, tutti avrebbero detto: che gran trovata questi berlinesi! Noi, invece, non siamo per nulla attratti dall’innovazione. Anzi, il nuovo ci spaventa». (Intervista di Valerio Varesi, la Repubblica Bologna, 14 gennaio 2018).

Obbligatorio, a questo punto, sentire il parere di Eugenio Riccomini, il critico e divulgatore d’arte più famoso della provincia, notoriamente avverso a ogni genere di innovazione, ma dalla cui opinione – sempre qui da noi – pare non si possa prescindere. Infatti: «Una delle caratteristiche dell’età moderna cui nessuno pensa è proprio quella di difendere l’antico. Il nostro dovere, lo dico pensando prima di tutto a sindaco e soprintendente, è far sì che dentro le mura la città rimanga così com’è. Io lì non ci metterei proprio niente, al limite un mercatino di libri usati, che si smonta velocemente». Così il critico d’arte Eugenio Riccomini interviene sul tema molto dibattuto del Winter Village in piazza Verdi, rispondendo anche a Philippe Daverio che dalle pagine di Repubblica Bologna aveva mostrato apprezzamento per la struttura di container appena ultimata.” (Intervista di Eleonora Capelli su la Repubblica Bologna del 16 gennaio 2018)

La pietra dello scandalo, il “Moloch mostruoso” (per di più temporaneo) è questo:

Nel mio piccolo, comunque, condivido in pieno il punto di vista di Claudio Favelli, il quale scrive:“se un architetto mette, per qualche mese, una torre di ferro di un colore approvato dai controllori del contesto, nella città delle torri, e si grida allo scandalo, bisogna iniziare a chiedersi delle cose. Una storiella, non proprio da buttare e da raccontare ai nipotini, potrebbe essere che questi benedetti container che stanno negli interporti e nelle periferie (che sono brutte, mentre invece le piazze del centro sono belle) sono proprio il simbolo della globalizzazione e sono quelli che ci portano, come Babbo Natale, tutta la nostra cara merce che ogni giorno desideriamo che ci arrivi al pianerottolo di casa. È l’altra faccia della medaglia, insieme, ad esempio, alla condizione di quelli che ci lavorano o al contesto di enormi capannoni fatti per contenere tutti i desideri che arrivano col corriere. Se per una volta, per qualche mese, le cose che stanno nei posti brutti, vengono (riverniciate) nei posti belli, non sembrerebbe un gran scandalo, a meno che non si voglia mettere sempre la polvere sotto il tappeto.”

Ecco, appunto. Gridare allo scandalo ogni volta che si attua un intervento nel contesto storico consolidato, equivale a mettere sempre la polvere sotto il tappeto. Gli esempi si sprecano: le “barriere di protezione” del portico dei Servi in strada Maggiore vengono giudicate “maniglie di una valigia” (Riccomini); i fittoni collocati sotto le due torri per proteggere l’area pedonale invece uno “scempio”, una “selva fallica”  da parte di una trentina di singoli fra urbanisti, architetti e storici – fra loro anche Eugenio Riccomini e Pier Luigi Cervellati – e di tre associazioni: Italia Nostra, Comitato per Bologna storico artistica, Società di Santa Cecilia – Amici della Pinacoteca di Bologna.

Si potrebbe continuare a lungo con gli esempi. Invece non si ricordano analoghe alzate di scudi rispetto recenti (quanto indecenti) mostruose realizzazioni effettuate nell’immediata periferia dai potentati politici, economici e progettuali locali; come (per fare un solo esempio) la famigerata “porta Europa” di via Stalingrado, orrenda accozzaglia di forme insensate, tra cui torri merlate, ponti e bottiglie: migliaia e migliaia di metri cubi ammassati uno sull’altro all’ingresso nord della città, vero e proprio “ecomostro” urbano voluto da Unipol e promosso grazie ai metodi e alla sollecitudine del sottogoverno e della burocrazia. Di modo che, per chi arriva in città da quella parte, sia già tutto chiaro.

Smettiamo allora una buona volta di mettere la polvere sotto il tappeto. Bisogna ricominciare a chiedersi (e a chiedere)  molte cose, ma per davvero. Come faceva (uscendo una buona volta dallo strapaese) Bruno Zevi (Roma, 22 gennaio 1918 – 9 gennaio 200), del quale il 22 gennaio scorso ricorreva il centenario della nascita. Architetto, urbanista, politico e accademico italiano, noto soprattutto come storico e critico d’architettura. Egli metteva l’arte alla base dell’antifascismo e condannava il degrado urbanistico e morale del Paese. Molto da fare, quindi, da queste parti. Ed egli  manifestava il suo impegno anche nella politica attiva.

“Questa occupa grande spazio nella sua vita fin da quando, fuggito dall’Italia per le leggi razziali, nel 1939, Zevi approda a Londra e poi negli Usa, dove si laurea – ad Harvard – e dove dirige i Quaderni italiani di Giustizia e Libertà insieme ad Aldo Garosci ed Enzo Tagliacozzo. Rientrato a Roma, partecipa alla Resistenza con il Partito d’Azione. Verranno poi il Psi e il Partito radicale, di cui sarà presidente fra l’88 e il ’91 e nelle cui liste verrà eletto in Parlamento nell’87. (Francesco Erbani – La Repubblica 22 gennaio 2018)

In “Il linguaggio moderno dell’architettura” (Piccola Biblioteca Einaudi, 1973) scriveva: Contro ogni teoria dell’ambientamento. Quando si affronta l’argomento dell’incontro fra architettura moderna e ambienti storici, s’intende che esso implichi esclusivamente la difesa dell’antico minacciato dall’invadenza del nuovo. Questo è, senza dubbio, un polo saliente della questione. Ne viene tuttavia trascurato un secondo di pari rilievo, che a molti sembra meno urgente: l’affermazione dei valori architettonici contemporanei, insidiati da un cumulo di prregiudizi accademici (…) tutte le teorie miranti ad un ambientamento del nuovo nell’antico – tutte: dalle più retrive a quelle in apparenza progressiste – conducono a reprimere o, peggio, a corrompere il nuovo senza perciò rispettare l’antico.

Mentre in “Editoriali di Architettura” (Piccola Biblioteca Einaudi, 1979: una raccolta di provocazioni, volte a prospettare un diverso rapporto tra cultura e politica) aggiunge: “No all’ambientamento. Da tempo immemorabile, certo da quando l’Accademia di San Luca sferrò l’attacco contro il barocco, l’architettura italiana è ipotecata dalle teorie dell’ambientamento, formulate nelle più varie maniere e in nome delle finalità più diverse. (…) I discorsi sull’esigenza che l’architettura moderna «si ambienti» nel contesto in cui s’inserisce sembrano dettati dal buon senso; ma, come avviene quasi sempre, la via del buon senso conduce alla catastrofe (…) Le teorie dell’ambientamento dovrebbero servire a tutelare l’antico sacrificando le nuove espressioni. La storia dimostra che accade esattamente il contrario. (…) l’antico si tutela riconoscendo i diritti del moderno. Se manca questa integrazione culturale, si subisce una duplice sconfitta.” Ecco, appunto, proprio quello che sta succedendo. O forse è già successo.

«Odio l’accademia, il classicismo, la simmetria, i rapporti proporzionali», scrive Bruno Zevi in quel singolarissimo diario intellettuale che è Zevi su Zevi, pubblicato nel 1993 e che aveva come sottotitolo Architettura come profezia. Lo storico e critico dell’architettura, di cui ricorre oggi il centenario della nascita (che sarà celebrato con una mostra al Maxxi di Roma, con diversi convegni, compreso uno ad Harvard, e con la riedizione di molti suoi libri), così proseguiva elencando fra gli oggetti della sua avversione «le cadenze armoniche, gli effetti scenografici e monumentali, la retorica e lo spreco degli “ordini”, i vincoli prospettici». E concludeva con un «Per loro». “Loro” sono «i morti di Giustizia e Libertà, del Partito d’Azione, della Resistenza che si fondono con i sei milioni dei campi di sterminio». (Francesco Erbani – La Repubblica 22 gennaio 2018)

Zevi scriveva: «per loro». I progressisti fasulli, i conservatori autentici, i progettisti ipocriti del giorno d’oggi, invece, per conto di chi – esattamente – scrivono e lavorano? Oltre che per se stessi, intendo. Insisto: chiediamocela, una buona volta, questa cosa.

Nell’immagine in testata: Bruno Zevi.