ipersensibol

sguardipersensibili su cultura e dintorni

Menu Close

Tag: Edward w. Said

La verità e gli intellettuali

escher2-900x500

Julien Benda designa col termine chierici “tutti coloro la cui attività, per natura, non persegue fini pratici, ma che, cercando la soddisfazione nell’esercizio dell’arte o della scienza o della speculazione metafisica, in breve nel possesso di un bene non temporale, dicono in qualche modo: <<Il mio regno non è di questo mondo>>. Vi è quindi un’esplicita assimilazione della figura dell’intellettuale a quella dell’ecclesiastico, quindi al religioso. Il “chierico”, come il “laico”, vien da lui configurato quale tipologia ideale.benda

Leggendo “Il tradimento dei chierici” (Piccola Biblioteca Einaudi – 2012) si incontra questa frase: “Penso che lo scrittore che tratta posizioni morali, non nei termini di oggettivi dello storico o dello psicologo, ma da moralista, cioè improntandole a giudizi di valore (…) ha il dovere di assumere una posizione precisa, a rischio altrimenti di cadere nella predicazione del dilettantismo, che costituisce, specificamente in fatto di morale, un insigne tradimento di chierico.”

saidEsattamente il contrario di quanto sosteneva Edward W. Said in “Dire la verità. Gli intellettuali e il potere” (Feltrinelli – 2014): poiché “Ciascuno di noi vive in una società determinata, appartiene a una nazione caratterizzata da una lingua, da una tradizione e da una situazione storica specifica. In che misura gli intellettuali sono al servizio di queste realtà e in che misura si oppongono a esse? Lo stesso si può dire del rapporto degli intellettuali con le istituzioni (università, chiesa, gruppi professionali) e con i grandi poteri internazionali, che ai giorni nostri hanno cooptato l’intellighenzia in misura straordinaria. (…) Quindi, per me il principale dovere degli intellettuali è quello di tentare di raggiungere una relativa indipendenza da simili pressioni, ed è per questo che ho descritto l’intellettuale come un esiliato e un emarginato, un dilettante, oltre che l’autore di un linguaggio che si propone di dire la verità al potere”.

Per Benda il dilettantismo rappresenta “un insigne tradimento”, per Said invece esso è il principale dovere dell’intellettuale, che per lui deve sempre essere un outsider. Ma la contraddizione è soltanto apparente. Scrive infatti Said che “il modo di agire dell’intellettuale si fonda su principi universali: tutti gli esseri umani hanno il diritto di aspettarsi dai poteri secolari o dello stato modelli di comportamento dignitosi in fatto di libertà e giustizia; la violazione deliberata o involontaria di  tale diritto va denunciata e combattuta con coraggio.” In questa frase è sintetizzato gran parte del messaggio di fondo, il contenuto fondamentale di ambedue i libri. Ciò che unisce i due autori è l’incrollabile fiducia e fedeltà rispetto precisi valori universali. E’ anche innegabile – altro tratto comune – che essi intendono con ciò lanciare un preciso atto di accusa alla “classe” intellettuale del proprio tempo. Il cui tradimento consiste nel perseguire troppo spesso fini pratici anziché difendere la (spesso) scomoda verità dei fatti. Cosa che sarebbe invece richiesto dal ruolo che si sono scelti. Da questa radice avvelenata proliferano poi  tutte le malapiante da cui siamo infestati.

odio-gli-indifferenti-226844-1Ma allora dove si colloca (tra i “buoni” o tra i “cattivi”?) il cosiddetto “intellettuale organico” di cui parlava Antonio Gramsci? Sappiamo che per lui esistevano due categorie di intellettuali: quella tradizionale – insegnanti, ecclesiastici, funzionari – che svolgono nel tempo sempre la stessa funzione; poi quella degli intellettuali organici, direttamente collegati alle classi o le imprese che si servono di loro per i loro scopi e interessi. Scrive Said: “Gramsci ritiene che gli intellettuali organici siano attivamente coinvolti nella società, ossia costantemente impegnati a lottare per cambiare orientamenti ed espandere mercati; a differenza degli insegnanti e degli ecclesiastici, che sembrano più o meno rimanere al loro posto svolgendo anno dopo anno lo stesso tipo di lavoro, gli intellettuali organici sono sempre in movimento, sempre in prima linea.”

Del resto ecco cosa scrive lo stesso Gramsci: “Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, il possibile bene che un atto eroico (di valore universale) può generare non è tanto dovuto all’iniziativa dei pochi che operano, quanto all’indifferenza, all’assenteismo dei molti. Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia fare, lascia aggruppare i nodi che poi solo la rivolta farà abrogare, lascia salire al potere gli uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare”. (da Antonio Gramsci – Odio gli indifferenti – Chiarelettere 2016).

pasoliniE ancora: come dovremmo collocare la straordinaria opera intellettuale di Pier Paolo Pasolini, il quale ad esempio nelle “Lettere luterane” (Einaudi, ET Saggi 2005) “nell’ultimo anno della sua vita condusse, dalle colonne del «Corriere della Sera» e del «Mondo», una rovente requisitoria contro l’Italia di quel periodo: un’Italia da trent’anni in mano ai «gerarchi democristiani», divorata dal consumismo e dal conformismo; un’Italia «distrutta esattamente come l’Italia del 1945» anzi, dove a essere in macerie sono i valori e non le case.”? (dalle note di copertina)

Forse la soluzione (buoni o cattivi? chierici o traditori?) si trova nella distinzione introdotta da Max Weber   tra “etica della convin­zione” — o più weberprecisamente “eti­ca dei princìpi” (Gesinnungsethik) ed “etica della responsabilità” (Verantwortungsethik).

La prima è un’etica assoluta, di chi ope­ra solo seguendo principi rite­nuti giusti in sé, indipendente­mente dalle loro conseguenze. E’ questa un’etica della testimonianza assolutizzata: “avvenga quel che avverrà, io devo comportarmi così”.

La seconda è l’etica veramente pertinente alla politica. L’etica della responsabilità si riferisce alle presumibili conseguenze delle scelte e dei comportamenti che l’individuo ed il suo gruppo di appartenenza mette in atto.

Il pro­blema, scrive Weber, è che «il raggiungimento di fini buoni è accompagnato il più delle vol­te dall’uso di mezzi sospetti», e «nessuna etica può determi­nare quando e in qual misura lo scopo moralmente buono “giustifica” i mezzi e le altre conseguenze moralmente peri­colose». Chi non tiene conto di questo — che dal bene non deriva sempre il bene e dal male non deriva sempre il ma­le — «in politica è un fanciul­lo».

Le due etiche non sono però «antitetiche ma si comple­tano a vicenda, e solo congiun­te formano il vero uomo, quel­lo che può avere la “vocazione per la politica“», salvo ribadire che tra esse non potrà mai dar­si vera conciliazione né armo­nia a buon mercato. (Paolo Ferrario, da Antologia del tempo che resta)

Così il cerchio si chiude, tornando al punto da cui siamo partiti. Infatti, Benda scrive: “il chierico mi sembra venir meno alla sua funzione scendendo sulla pubblica piazza solo se vi scende (…) per farvi trionfare una passione realistica di classe, di razza o di nazione. Quando Gerson salì sul pulpito di Notre -Dame per denunciare gli assassini di Luigi d’Orleans, quando Spinoza, a rischio della vita, andò a scrivere dei carnefici dei Witt: <<Ultimi barbarorum>>, quando Voltaire si battè per Calas, quando Zola e Duclaux andarono a testimoniare in un celebre processo, questi chierici assolvevano pienamente, e nella maniera più nobile, alla loro funzione di chierici; essi erano sacerdoti della giustizia astratta e non si macchiavano di alcuna passione per un oggetto terreno. Del resto, esiste un criterio sicurissimo per sapere se il chierico che agisce in pubblico lo fa in modo conforme al suo ufficio: viene immediatamente insultato dal laico, di cui disturba gli interessi (Socrate, Gesù). Si può dire in partenza che il chierico lodato dai secolari tradisce la sua funzione.”  La verità ha i confini sempre arruffati, ma i traditori di certo non mancano.

Nell’immagine: illustrazione di Escher.

 

Lo straniero

Kamel Daoud

Prima di leggere “Il caso Meursault” di Kamel Daoud (Bompiani – 2015, premiato con il Goncourt del primo romanzo nello stesso anno), conviene leggere (o rileggere) “Lo straniero” di Albert Camus (prima edizione francese del 1942, edizione italiana Bompiani – 2001), testo di cui “Kamel Daoud ha immaginato un seguito ideale che echeggia sin dall’incipit, cambiando però il narratore, invertendo la prospettiva e lo scenario storico.” (Anais Ginori, da Repubblica.it)

lo-stranieroForse però prima ancora di tutto questo, per quanto riguarda Kamel Daoud è importante ricordare che “lo scrittore algerino, sfinito dalle polemiche e in particolare da un attacco collettivo contro di lui firmato su Le Monde da 19 studiosi, annuncia: «Sono stanco, abbandono il giornalismo» (…) ho scritto tanto, ho cercato di impegnarmi. Ma le pressioni sono troppo forti: in Algeria gli islamisti mi lanciano la fatwa, e adesso in Occidente c’è chi mi accusa di islamofobia. È un insulto immorale, un’inquisizione. In Francia è diventato troppo difficile esprimere le proprie opinioni»” (Da Corriere.it – Stefano Montefiori). Infatti:

“Quando gli intellettuali parigini accusano Daoud di contrapporre un Occidente libero ed emancipato a un Oriente sottomesso mostrano di essere succubi di quell’ideologia multiculturalista e terzomondista che, equiparando ogni cosa, finirà prima o poi per segare le gambe alla sedia ove tutti noi siamo seduti. Bene ha fatto perciò il giornalista algerino ad annunciare il proprio ritiro da una professione così nobile e oggi così minacciata come quella del giornalista. Servono gesti eclatanti. E ben vengono nella patria di quel Voltaire che esaltò con tanta enfasi, due secoli e mezzo fa, la liberté de plume.” (Corrado Ocone – Huffington Post).

Ecco allora che, partendo dalla volontà di commentare il libro di Daoud, si finisce per ricordare un altro importante testo di un importantissimo autore: OrientalismoOrientalismo ( di Edward W. Said – Feltrinelli 2002 ). Questo libro “è l’indagine, e la rappresentazione, di un capitolo di storia intellettuale tra i più complessi, quello che parte dal XVIII secolo, ma con radici ben più lontane nel tempo, e che arriva  fino ai giorni nostri; l’obiettivo di tale indagine è individuare le motivazioni ideologiche e culturali che hanno dato vita ad un vero e proprio stile di pensiero. Per orientalismo s’intende il modo in cui la cultura e la coscienza europea hanno cercato di conoscere l’Oriente e di appropriarsene; il modo in cui hanno cercato di dominarlo, travisandolo, volontariamente, e trasformandolo nel luogo, per antonomasia, in cui risiedeva l’Altro. Il libro analizza i meccanismi e le modalità con cui questa colonizzazione intellettuale si è tramandata dagli stereotipi ottocenteschi fino ad oggi.” (Ilaria Bigelli)

E ancora: “L’orientalismo è stato dunque il sistema di rappresentazioni con il quale si introdusse l’Oriente nella cultura occidentale. (…) L’Oriente venne così studiato dalle nazioni europee per poterlo controllare meglio, per perpetuare la dominazione. Il rapporto tra Oriente e Occidente è appunto una questione di potere, di dominio, nel quale sono coinvolte forme di egemonia. Said si sofferma quindi sul periodo nel quale l’Oriente entrò a far parte dei paesi europei, i secoli del colonialismo e della formazione degli imperi (…) Con il termine orientalismo nell’opera si intende il modo con il quale sono state osservate le regioni orientali, focalizzandosi in particolare sui giudizi che furono espressi sui paesi del Medio Oriente. (…)  L’Oriente venne così studiato dalle nazioni europee per poterlo controllare meglio, per perpetuare la dominazione. ” (dalla Tesi di laurea di Marco Montemurro: EDWARD W. SAID: CULTURA, INTELLETTUALI E POTERE. L’IMMAGINE DEL MEDIO ORIENTE NEI MEDIA. Relatore: prof. Pietro Vereni Correlatore:prof. Raul Mordenti.

Intendevo commentare il libro di Kamel Daoud e ho finito per scrivere di tutt’altro. Concludo quindi con questa citazione tratta da pagina 65 del “Caso Meursault”: “Per me la religione è un mezzo pubblico di trasporto che non prendo mai. Se proprio è il caso, mi piace andare verso questo Dio a piedi, ma non in viaggio organizzato.” Ripensandoci, tutto sommato è probabile che non abbia poi divagato così tanto come potrebbe sembrare a prima vista.

Dire la verità

said

Le parole di don Ciotti che ho riportato nel precedente post (…Il problema più grave non è chi fa il male, ma quanti guardano e lasciano fare. Noi abbiamo bisogno di verità…) riportano alla mente un testo straordinario di  Edward W. Said, scrittore ed intellettuale palestinese naturalizzato statunitense, scomparso nel 2003.  Nel 1995 Feltrinelli ha pubblicato il suo “Dire la verità”, sottotitolo “Gli intellettuali e il potere” (titolo originale: “Representations of the intellectual” del 1994). La sua attualità risulta davvero impressionante, il suo quasi disperato ma continuo e ostinato richiamo all’onestà intellettuale quasi commovente. Eccone un estratto:

“In una società di massa amministrata come la nostra, dire la verità ha soprattutto lo scopo di configurare una situazione migliore, più aderente ad alcuni principi etici – pace, riconciliazione, alleviamento della sofferenza – da applicare a realtà conosciute. (…) L’obiettivo di chi parla e scrive non è certamente quello di dimostrare a tutti che si è dalla parte della ragione: lo sforzo, piuttosto, è di dar vita a un diverso clima etico, chiamando un atto di aggressione con il suo vero nome, adottando misure per prevenire o eliminare il castigo ingiustamente inflitto a popoli o individui, riconoscendo i diritti e le libertà democratiche a tutti e non soltanto, con odiosa discriminazione, a pochi eletti. Sono traguardi idealistici, spesso irrealizzabili e in certo modo meno strettamente pertinenti al mio tema di quanto non sia l’operato del singolo intellettuale quando nella maggior parte dei casi domina la tendenza a tirarsi indietro oppure a seguire il gregge.

Niente mi sembra più riprovevole dell’abito mentale che induce l’intellettuale a voltare la faccia dall’altra parte, tipico modo di evitare una posizione difficile che sappiamo essere giusta nei principi, ma che decidiamo di non fare nostra. Perché non vogliamo mostrarci troppo schierati politicamente, abbiamo paura di apparire polemici, ci serve il plauso del capo o di un’altra figura di potere, vogliamo conservare il nostro buon nome di persona equilibrata, oggettiva, moderata; speriamo di essere riconfermati, consultati, chiamati a far parte di qualche direttivoo prestigioso comitato e, così, rimanere nel novero di quelli che decidono. E, un bel giorno, speriamo di ricevere un bel titolo onorifico, un premio importante, forse la carica di ambasciatore.

Questa è, per eccellenza, la mentalità che induce un intellettuale alla corruzione. E farla propria contribuisce più di ogni altra cosa a snaturare, a neutralizzare e, da ultimo, uccidere la passione, appunto, intellettuale.”

Nella foto: Edward W. Said

© 2017 ipersensibol. All rights reserved.

Theme by Anders Norén.