Archivi tag: Matteo Renzi

Il futuro rimosso

Ritorno al futuro (Back to the Future) è un film del 1985 diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd. Primo episodio della trilogia omonima, è considerato un’icona del cinema degli anni ottanta e ha riscosso un enorme successo a livello internazionale. (da Wikipedia).

Comunque la si pensi politicamente su Matteo Renzi, non si può negare che l’ex Presidente del Consiglio e Sindaco di Firenze, non sia abile a far parlare davvero molto di sé. Per la nona edizione della Leopolda tenutasi nel capoluogo toscano soltanto qualche giorno fa nel fine settimana, visto che il tema era “Ritorno al Futuro”, sul palco dell’evento è stata installata una bellissima riproduzione della macchina del tempo DeLorean della serie cinematografica omonima. E subito su mass media e social, nel bene o nel male non si è parlato d’altro se non del veicolo usato da Emmett “Doc” Brown (Christopher Lloyd) e Marty McFly (Michael J. Fox) per viaggiare nel tempo nella mitica trilogia amata da milioni di fan prima al cinema e poi sul piccolo schermo.” (da nove.firenze.it)

Personalmente ritengo che Matteo Renzi e il suo “giglio magico” rappresentino un passato stracotto rivestito di una sottile patina di giovanilistica modernità fintamente progressista. Oggi però il punto sul futuro che ci interessa è un’altro. Lo spiega bene Aldo Cazzullo, che sul Corriere della Sera del 19 ottobre scorso, scrive:

«il riscaldamento del pianeta è tanto evidente che neppure Donald Trump lo nega più (si limita a dire che non è colpa dell’uomo e quindi non ci si può fare nulla). Però in due anni avrò ricevuto ventimila lettere sui migranti e neppure una sul cambiamento climatico, che è tra le cause delle migrazioni. Pubblico alcune reazioni raccolte sui social del Corriere al rapporto dell’unione Europea perché mi sembrano utili a una riflessione non tanto sul tema, ormai conclamato, quanto sull’indifferenza che lo circonda.

Ormai sappiamo con certezza scientifica che, se non ridurremo le emissioni di anidride carbonica, il clima peggiorerà ulteriormente. Il fenomeno è più rapido di quanto pensassimo, ed è sotto gli occhi di tutti. Alla prima nevicata si faranno ironie; ma è come negare la fame nel mondo solo perché si è appena mangiato un piatto di fettuccine. Non ce ne occupiamo perché il problema riguarda l’avvenire. E l’avvenire al tempo della rete non è contemplato. Ci sono tanti selfie da scattare, tanti attimi da fermare, tante interessanti polemiche su Chiara Ferragni o Cristiano Ronaldo da seguire. La futilità della discussione pubblica rende insostenibilmente pesanti argomenti che riguardano i nostri figli e nipoti, non i nostri discendenti dei prossimi millenni, se arriveranno. Meno ancora si parla dell’allarme rilanciato dal libro postumo di Stephen Hawking, sui pericoli dell’intelligenza artificiale e della manipolazione della vita. La rimozione del futuro continua.»

Ieri, 24 ottobre 2018, qui a Bologna il termometro ha rilevato una temperatura massima di 29 gradi. Dieci gradi in più rispetto alla temperatura media stagionale secondo meteo.it. Eppure esiste ancora chi nega l’evidenza:

La capacità del movimento negazionista di rallentare le politiche ambientali spinge Gore a studiare analiticamente cause e caratteristiche di quest’atteggiamento, il cui fondamento viene individuato nell’interesse economico delle grandi multinazionali del petrolio, del carbone e del gas, minacciato da ogni azione finalizzata alla riduzione delle emissioni nocive: «potenti corporation che hanno interesse a ritardare qualunque tipo di intervento hanno sperperato soldi in una campagna cinica e disonesta per distorcere l’opinione pubblica, seminando falsi dubbi sulla realtà della crisi climatica» (p. 429). Si tratta di una massiccia e sofisticata “campagna di inganni” che si avvale di esperti finanziati ad hoc, “bugiardi a noleggio” (p. 440) incaricati di diffondere ipotesi alternative prive di base scientifica (per cui, ad esempio, il riscaldamento globale sarebbe il risultato di un ciclo naturale, oppure sarebbe già stato fermato da diversi anni, ecc.). Questa campagna si propone anzitutto di manipolare la percezione pubblica del problema, anche attraverso l’accesso agli organi di informazione: i quali, versando in difficili condizioni economiche, ricevono finanziamenti da parte delle compagnie di combustibili fossili, accettando di veicolare messaggi negazionisti. In secondo luogo, le stesse compagnie incidono sui processi decisionali attraverso l’attività di lobbying e finanziando le campagne di candidati di ogni parte politica.” (da sviluppofelice.wordpress.com )

Manipolare la percezione pubblica dei problemi non significa solo disinformare i cittadini tramite false notizie, ma anche trascurare i temi davvero importanti (come le tematiche ambientali) ponendo al contrario in evidenza le sciocchezze più irrilevanti. Scrive Giuseppe Riva: «Che cos’è un fatto? (…) esistono due grandi categorie: i “fatti” (per esempio è un fatto che questa frase inizia con la preposizione “per”, perché sia io che voi possiamo verificarla osservando la frase) e i “fatti sociali” (gli eventi la cui verità non dipende dall’evidenza, ma dall’attività della rete sociale di cui facciamo parte; ad esempio, per essere “marito” ti devi sposare). Mentre i fatti sono eventi immediatamente evidenti, i fatti sociali sono invece eventi la cui evidenza dipende dall’attività di una rete sociale.

Sono più importanti i fatti o i fatti sociali nel guidare le decisioni dei soggetti? Gli psicologi sanno già da tempo la risposta: i fatti sociali. Non a caso questi fatti sono dotati di un potere di coercizione che nasce dall’importanza che per ciascuno di noi ha il sentirsi parte di un gruppo. Tale potere di coercizione è legato a quattro fattori: la rilevanza del gruppo per l’identità sociale del soggetto, l’importanza e la rilevanza dell’argomento per il soggetto, la numerosità del gruppo che supporta una scelta, la mancanza di conflitti al suo interno.

L’analisi del concetto di “fatto” ci suggerisce un primo elemento per la costruzione di fake news efficaci: trasformarle in fatti sociali, supportati dal numero più elevato possibile di soggetti della rete. Infatti se una fake news diventa un fatto sociale sono possibili tre conseguenze. Se il soggetto la interiorizza, diventerà lui stesso un sincero sostenitore della sua verità. Se non la interiorizza ma teme il giudizio sociale, eviterà di contraddirla per paura di effetti negativi. Mentre solo chi non teme il giudizio sociale, o si sente supportato nella critica, sarà pronto a intervenire per contestarne i contenuti.  (Massimo Riva – Fake News. Vivere e sopravvivere in un mondo post-verità – Il Mulino, 2018) Superfluo ipotizzare quale si configura come la conseguenza più probabile per gli italiani, “ sempre pronti a correre in soccorso dei vincitori” (© Ennio Flaiano)

Una delle più drammatiche responsabilità delle classi dirigenti di questo paese (di ogni orientamento) negli ultimi decenni è di aver “dimenticato”, nella loro “narrazione”, di preoccuparsi per il futuro delle generazioni a venire, scaricando sulle loro spalle i costi interni ed esterni delle loro spesso sciagurate, miopi decisioni interessate e falsamente democratiche. Al centro del loro racconto continuano invece a porre fatti sociali su cui sia possibile speculare nel presente, ad esempio l’immaginaria invasione degli immigrati. Avete mai sentito Matteo Salvini o Matteo Renzi infervorarsi per la tutela dell’ambiente? La macchina del tempo per loro è pura scenografia.

L’illustrazione che segue è di Zerocalcare(2018)

Sei pagine di Boschi

Pur non  conoscendolo personalmente, ho la massima stima del giornalista Beppe Severgnini, attualmente  direttore del settimanale “7” del Corriere della Sera, per le cose che scrive e per i suoi interventi alla trasmissione “Otto e mezzo”. Pare comunque che Severgnini abbia accusato Marco Travaglio – attualmente direttore del “Fatto Quotidiano” – di essere ossessionato dalla figura di Maria Elena Boschi.

Comunque sia, l’ex ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento (governo Renzi) ed ex Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri (governo Gentiloni) rilascia ora una lunga intervista (comprendendo le numerose fotografie a colori, sei pagine intere) al citato settimanale diretto da Severgnini. Il titolo è: “Maria Elena Boschi: «È ancora difficile in Italia accettare una donna di potere»“. Ne propongo di seguito qualche estratto:

(…) Com’è adesso la sua vita? 
«Ho più tempo per me, gli amici e la famiglia. Ho riscoperto la bellezza di avere una mezza giornata nel weekend per leggermi un libro o guardare un film: anche quello serve a ripartire. Lavoro tanto – tra Parlamento e studio legale – ma rispetto a prima è come se facessi un part-time! Negli anni di governo non ho mai spento il cellulare. Quando ho avuto anche la responsabilità di seguire la Protezione Civile, ero abituata a svegliarmi più volte di notte per verificare di non perdere telefonate o messaggi. La notte del 1° giugno, quando si è insediato il nuovo governo, l’ho spento per la prima volta. Per qualche settimana continuavo a svegliarmi, controllavo lo schermo, poi pensavo: “No, non tocca più a me”».

Lei ha fatto un percorso abbastanza unico: ministro a 33 anni, sottosegretario a 35, a 37 è tornata ad essere deputata semplice.
«Le mie montagne russe le ho vissute già da ministro. È stata un’esperienza formativa dal punto di vista umano: ho dovuto combattere, appena nominata, i pregiudizi per cui “be’, è arrivata al governo giovane e senza esperienza, faceva comodo avere delle donne in squadra” oppure “è carina, ma non è così brava”».

Come li ha affrontati? 
«Con umiltà, spero, e determinazione. Ho cercato di andare avanti per la mia strada, sapendo che era una bellissima opportunità, che me la dovevo meritare e che stava a me dimostrare ogni giorno di esserne all’altezza». (…)

Crede che invece politicamente le abbiano fatto pagare il fatto di essere donna e, aggiungo, una bella donna? Si è sentita un capro espiatorio?
«Non so se sono stata il capro espiatorio, però il fatto che la vicenda di Banca Etruria abbia colpito indirettamente anche me…».

Indirettamente? 
«Sì, perché non ho mai avuto un’indagine né ho mai avuto un ruolo in quell’istituto, però ha toccato me politicamente. Mi hanno massacrata per nulla. E anche chi scriveva articoli di fuoco contro di me, in privato mi diceva: “Sappiamo che tu non c’entri niente”».

La Commissione bicamerale ha appurato che non vi furono pressioni, ma col senno di poi userebbe più cautela?
«No, perché non mi sono mai occupata della vicenda di mio padre. L’ha ribadito il governatore di Banca d’Italia Ignazio Visco: l’unica volta che parlai di Banca Etruria dissi che la mia preoccupazione era per i dipendenti dell’istituto e per il mio territorio e che non avrei voluto alcuno sconto, alcun favoritismo su mio padre. La vicenda di Banca Etruria è stata scelta per assorbire l’attenzione mediatica e non parlare di altre crisi bancarie, soprattutto delle Venete, dove ci sono forti interessi della Lega. Ed è servita come arma di battaglia politica: colpendo me, colpivano un intero progetto politico».

L’essere donna crede abbia influito? 
«Un po’ sì. Credo che quello che ho fatto io, nel bene o nel male, sia stato accettato con più fatica che non se l’avesse fatto un uomo».

Perché? 
«Perché nonostante gli enormi passi in avanti non riusciamo ancora ad accettare che le donne, a maggior ragione se giovani, possano avere dei ruoli in cui si gestisce il potere. E io li ho avuti. Non siamo ancora davvero abituati in politica e neanche in altri settori: quante sono le donne direttrici di giornali o che firmano editoriali? Se ce ne fossero di più, non avremmo forse un punto di vista diverso sulle donne in politica?». (…)

Che fine ha fatto il Pd? Chi l’ha votato e ancora lo vorrebbe vedere al governo, non se ne capacita. 
«È normale che dopo una sconfitta ci sia un po’ di spaesamento».

Dove ha sbagliato Matteo Renzi? 
«Se abbiamo sbagliato, abbiamo sbagliato tutti – io compresa – perché abbiamo condiviso con lui le scelte in Consiglio dei ministri e nel Pd. Renzi, da vero leader, si è assunto ogni responsabilità ma non vuol dire che decidesse tutto da solo. Forse abbiamo voluto affrontare in una sola volta, tutte insieme, troppe riforme. Ma non penso che ci fosse un altro modo per cambiare il Paese dopo 20 anni di scelte rinviate».

In cosa avete sbagliato? 
«Sul piano politico non abbiamo capito che il voto sul referendum sarebbe stato un voto politico. E poi non siamo stati capaci di comunicare quello che facevamo in modo efficace, forse. Si accusa il Pd di non essere stato presente nei luoghi della povertà, del disagio, nelle periferie. Francamente siamo stati più noi nelle periferie del M5S, che ne ha appena cancellato i fondi. Abbiamo cercato di dare risposte alle esigenze delle persone più fragili, ma non siamo stati capaci di dire loro in modo convincente: “Non riusciremo a risolvere tutti i problemi, perché non abbiamo la bacchetta magica, però proviamo insieme a superarli, siamo con voi”».

Un punto di forza e un difetto di Matteo Renzi? 
«Il coraggio. È il politico più coraggioso che conosco. Il difetto? Si fida troppo degli altri. Pensi a quanti debbono tutto a Renzi e il giorno dopo lo hanno scaricato in modo vergognoso».

Vi si rivolge la stessa critica: aver promesso di ritirarvi in caso di sconfitta e non averlo poi fatto… 
«Col senno di poi ho sbagliato. Ma l’ho detto perché credevo in quella battaglia. Se c’è ancora qualcuno che a 35 anni fa politica con passione, e magari si lascia scappare una frase per un eccesso di entusiasmo, non mi sembra così grave..!». (…)

Lei ha qualcosa da rimproverarsi?
«Non ridirei la frase “se perdo, lascio”: questa è facile! Poi è chiaro che certe cose le farei meglio. Non credo diverse però, sono sincera. So che non mi sono risparmiata».

Si reputa una donna felice? 
«Sì, sono felice. Perché sono dove volevo essere, mi posso occupare di politica, che mi ha travolto e sconvolto la vita, che mi appassiona e mi piace ancora, dopo i colpi bassi e la sconfitta. E poi sono felice perché ho una vita piena di persone a cui voglio bene. Per me i rapporti umani sono il bene più prezioso e li ho coltivati anche se a volte con qualche fatica, negli ultimi anni, perché il mio lavoro mi assorbiva molto».

Una curiosità, il libro che sta leggendo?
«Ne sto leggendo due in contemporanea, uno però magari poi non lo scriva sennò mi fanno mille battute».

Vada col primo. 
«Non si abbandona mai la battaglia, di Eric Greitens. È il racconto di un ex Navy Seal a un commilitone sulla resilienza, su come ci si reinventa tornati dall’Afghanistan».

E quello col titolo compromettente? 
«Il desiderio di essere come tutti, di Francesco Piccolo». (L’intervista è di  Stefania Chiale)

In definitiva, stupisce molto che nelle sei pagine di (tutt’altro che aggressiva) intervista manchi una domanda molto semplice, ma anche molto importante: “Perché ha scelto la causa civile contro De Bortoli e non l’ha querelato per diffamazione, come  nell’immediato invece sbandierò  ai quattro venti mediatici? Infatti: «Dopo sette mesi dall’uscita del libro “Poteri forti (o quasi)”, Maria Elena Boschi ha dato mandato ai suoi legali di citare in giudizio l’ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli. La tempistica non è passata inosservata: l’allora ministra delle Riforme – che, secondo il giornalista, avrebbe chiesto nel 2015 all’ex amministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni di “valutare una possibile acquisizione di Banca Etruria”, nel cda della quale sedeva il padre Pier Luigi Boschi – ha aspettato sette mesi prima di “portare in tribunale” De Bortoli nonostante avesse annunciato azioni legali all’indomani dell’uscita delle rivelazioni dell’ex direttore. Perché?» (da huffingtonpost.it)

Niente di preoccupante per lui, è ovvio, ma dopo aver letto questa intervista ho perso un piccolo frammento della mia stima per Severgnini. Inoltre, non so se sia vero che Marco Travaglio sia ossessionato da Maria Elena Boschi.  Ora però ho il serio sospetto di esserne ossessionato io. Forse perché  alle favole non ci credo più da un pezzo.

L’illustrazione che segue è di Zerocalcare(2018)

 

Casuisti si nasce?

La dottrina del cattolicesimo prevede peccato mortale quando, nelle nostre azioni, si verificano tre condizioni contemporaneamente: 1) Materia grave; 2) Piena consapevolezza; 3) Deliberato consenso. Altrimenti si tratta di peccato veniale. Il peccato mortale,  secondo la Chiesa cattolica e alcune chiese protestanti, condanna l’anima di una persona all’inferno dopo la morte. Mentre il peccato veniale, in quanto  trasgressione di una legge di importanza secondaria, è sempre un’offesa a Dio, ma non priva l’anima della grazia ed è emendato con una pena temporanea. Si capisce così per quale motivo il ruolo del casuista sia davvero fondamentale.

Le “Lettere persiane” di Montesquieu, romanzo epistolare di straordinario successo, furono pubblicate anonime ad Amsterdam nel 1721. «È una pungente satira dei costumi francesi, analizzati dal punto di vista di due viaggiatori persiani, Usbek e Rica, due giovani colti e ricchi, appartenenti all’alta società. I sarcasmi delle lettere non risparmiano né le istituzioni, né gli uomini del tempo. I personaggi, essendo stranieri, vedono la Francia in modo distaccato, criticando vita e costumi di una società cattolica e assolutistica.» (da Wikipedia)

Montesquieu scrive: “L’altro giorno andai in un convento di questi dervisci. Uno di loro, venerando, con i capelli bianchi, mi accolse con grande gentilezza (…) «Padre», gli dissi, «qual è il vostro ruolo nella comunità?» «Signore», mi rispose con un’aria molto soddisfatta per la mia domanda, «sono casuista.» «Casuista?» ripresi, «da quando sono in Francia non ho mai sentito parlare di questa carica.» «Come! non sapete cos’è un casuista? Ebbene, ascoltate, ve ne darò un’idea più che esauriente. Ci sono due specie di peccati: quelli mortali, che escludono assolutamente dal paradiso, e quelli veniali, che a dire il vero offendono Dio ma non lo irritano al punto di privarci della beatitudine.

Ora, tutta la nostra arte consiste nel distinguere bene  queste due specie di peccati, perché, a eccezione di qualche libertino, tutti i cristiani vogliono guadagnarsi il paradiso, ma non c’è nessuno che non voglia guadagnarselo a buon mercato (…) Non è l’azione a costituire il crimine, ma il grado di consapevolezza di chi la compie: chi fa del male, fino a quando può credere che non sia tale, ha la coscienza a posto; e poiché c’è un numero infinito di azioni equivoche, un casuista può attribuire loro un grado di bontà che non hanno, dichiarandole buone; e, purché riesca a convincere che non hanno veleno, glielo toglie del tutto.»

«Vi sto svelando il segreto di un mestiere in cui sono invecchiato, ve ne mostro le sottigliezze: tutto può essere rigirato, anche le cose che sembrano indiscutibili.» «Padre», gli dissi, «è una gran bella cosa; ma come ve la cavate con il cielo? Se il Sofi avesse alla sua corte uno che facesse nei suoi confronti quello che voi fate contro il vostro dio, che introducesse delle distinzioni nei suoi ordini, e che insegnasse ai suoi sudditi in quali casi devono eseguirli e in quali possono violarli, lo farebbe impalare all’istante.» Salutai il mio derviscio e lo lasciai senza attendere la sua risposta.” (Montesquieu – Lettere persiane: LVII • Usbek a Rhedi – Garzanti, 2016)

Con un salto nel tempo, passiamo ora al contemporaneo senatore Matteo Renzi, 43 anni, segretario del PD dal dicembre 2013 al marzo 2018:

«Renzi, nelle settimane scorse, era già volato in Kazakistan per tenere uno speech, pochi giorni dopo essere già stato in Qatar, assieme al fidato Marco Carrai, per incontrare l’emiro Tamim Bin Hamad al-thani, che gestisce un fondo sovrano da 250 miliardi di dollari. (…) Ieri l’ex premier si trovava a Pechino per tenere un discorso sulla Via della Seta e la cultura, ingaggiato da una società che recluta personaggi famosi.  Poi sarò negli Stati Uniti per i 50 anni dalla morte di Bob Kennedy, poi in Sudafrica per l’anniversario della nascita di Mandela.

Tutti appuntamenti sui quali, sgravato dalle responsabilità di governo e di gestione del partito, Renzi sta lavorando: «Ma adesso tocca a loro». Come gli hanno detto le persone a lui più vicine analizzando i motivi del doppio crollo referendum-elezioni: «Bisogna riprendere il contatto con la realtà delle cose, con i problemi della gente fuori». (sic!) È anche per questo che il senatore fiorentino ha inviato una email a tutti i cittadini e le imprese del suo collegio, che nelle prossime settimane andrà ad incontrare.

I mesi di basso profilo dell’ex premier, se stavolta riuscisse davvero a tenersi dietro le quinte, dovrebbero durare fino ad ottobre, quando (dal 19 al 21) a Firenze tornerà la Leopolda, appuntamento al quale Renzi si presenterà durante il lancio del nuovo libro che sta scrivendo: «Sarà un evento vecchio stile, come all’inizio, con protagonista la società civile». E con un ultimo sassolino: «Chi mi ha combattuto per anni dall’interno del Pd, dicendo che ero poco di sinistra, ora si trova Salvini al Viminale». (di Claudio Bozza – Corriere della Sera, 4 giugno 2018). L’ex premier vorrebbe insomma convincerci che lui (padre di questa oscena legge elettorale denominata “Rosatellum”) e il suo “cerchio magico”   non abbiano alcuna responsabilità rispetto all’attuale  situazione. Situazione determinata però da loro stessi.

“Tutto può essere rigirato, anche le cose che sembrano indiscutibili.” Perfino l’appartenenza di tanti personaggi riprovevoli (per usare un eufemismo) e delle loro politiche reazionarie al campo progressista. A questi ennesimi venditori di fumo,  ha da poco risposto molto lucidamente Federico Rampini:

«Com’è accaduto che lo spread Btp- Bund sia diventato la Linea Maginot dietro la quale la sinistra italiana è asserragliata, il baluardo a cui si aggrappa in questa tempesta istituzionale? È normale che lo slogan dei progressisti sia “attenti al giudizio dei mercati”? Rifiutare il piano B dell’uscita dall’euro significa sdraiarsi sull’austerity germanica? Proprio quella che abbiamo criticato per anni?

Capisco che abbia suscitato tante passioni l’Amaca di Michele Serra, in cui ha rifiutato l’alternativa tra “governo dei mercati e governo del popolo”. Molti di noi si sentono stritolati in questa opzione. Ci sentiamo traditi da una sinistra che fa di tutto per dar ragione a chi la descrive come establishment. Chi commenta l’indice Mib come fosse un giudizio divino sembra dimenticare che in altre circostanze la Borsa premia le aziende che tagliano i costi licenziando o ingrassano i profitti eludendo le imposte nei paradisi fiscali. La Borsa ha i suoi criteri. Non dovrebbero essere i nostri. (…)

…vorrei che la sinistra smettesse di usare le oscillazioni dei mercati finanziari come una clava da sferrare con opportunismo contro Lega e M5S. I mercati sono una realtà concreta dove si muovono interessi (non quelli delle classi lavoratrici) e ideologie (neoliberismo), su cui troppi governanti di sinistra si sono appiattiti, pagando un prezzo altissimo. Se la salvezza è un tecnocrate del Fondo monetario internazionale, la nostra storia la stiamo buttando via. Non stupisce che la classe operaia vecchia e nuova si senta più rappresentata da altri.» (Federico Rampini: “Ma la borsa non è di sinistra” – La Repubblica, 31 maggio 2018)

I casuisti televisivi della politica italiana, intanto, aspettano e sdrammatizzano con una battuta: tranquilli, «Ora tocca a loro e pop-corn per tutti!». Tanto poi, dal 19 al 21 ottobre, andranno tutti alla fucina politico-intellettuale della Leopolda, evento che ha forgiato statisti del calibro di Maria Elena Boschi e Luca Lotti (per citarne solo due), “al quale Renzi si presenterà durante il lancio del nuovo libro che sta scrivendo”. Mica pizza e fichi.

E dire che ci sono ancora in giro tanti “gufi” che vanno a raccontare come la sinistra e la destra in politica mantengano oggi grande senso e significato; e come però la sinistra, grazie ai suoi “dirigenti-banderuola”, ha perso gran parte del suo radicamento appiattendosi ipocritamente – in termini di iniziativa, identità e progettualità – sul solito, qualunquista luogo comune dello status quo:”Non ci sono alternative“!

Come il sottoscritto, per fare un esempio. Sarà peccato veniale o peccato mortale?

In testata: Paul Klee: “Wall Painting from the Temple of Longing”, 1922 (collezione privata) – L’illustrazione che segue è di Zerocalcare(2018)

Repubblica BO 1 giugno – Prima
MAGNA CARTA
Luca Bottura
Merola fa benissimo ad additare le aziende che hanno disertato la firma della carta di Bologna per i fattorini del cibo a domicilio. Ricordiamole: Justeat, Deliveroo, Glovo, Foodora e poi… aspetta… c’era quell’altra, quella che ha scritto il jobs-act… niente.
Vabbé, mi verrà in mente.

Decadenza

I leader dei tre principali (almeno secondo i sondaggi) movimenti politici italiani  hanno recentemente dimostrato per l’ennesima volta il consueto buonsenso, nonché l’innata modestia e moderazione che li caratterizza. Silvio Berlusconi: “Io unico argine al populismo anti europeo” (il Giornale.it). Matteo Renzi: “Il PD unico argine ai populismi” (Agorà24.it). Luigi Di Maio: “M5S unico argine a estremismi in Europa” (ansa.it).  Il famigerato “populismo” viene spesso evocato come il principale pericolo per la civiltà contemporanea. Per nostra fortuna, invece, chiunque vincerà le prossime elezioni considera se stesso quale unico e inimitabile argine alla decadenza. Ma allora di cosa parliamo, con esattezza, quando parliamo del suddetto populismo?

Come scrive Corrado Augias su “La Repubblica”: ”Per il celebre e stimato dizionario Devoto-Oli, la definizione è: «Populista, appartenente ad un movimento politico-culturale moderno di tendenza e d’ispirazione popolare». Dopo aver definito la parte storica del lemma, il dizionario però la completa dandone la versione attuale: «Qualsiasi movimento politico socialistoide, diretto all’esaltazione demagogica delle qualità e capacità delle classi popolari ». Il Grande Dizionario del Battaglia, dopo aver ricordato l’origine della parola, ne dà poi la versione corrente  «Atteggiamento politico favorevole al popolo (identificato nei ceti sociali economicamente più umili e soprattutto culturalmente più arretrati), ma in modo generico, velleitario, e demagogico (adulando il popolo come depositario di virtù sociali e vittima del cinico egoismo e dell’amoralità dei ceti dominanti, e formulando proposte politiche atte a gratificare il desiderio di rivalsa da parte dello stesso popolo, ma non idonee a incidere efficacemente sui complessi problemi che pone la società moderna)».

Quand’è così, la questione si complica, se è vero – come è vero – quanto ha dichiarato Nichi Vendola allo stesso giornale: “Renzi ha portato a compimento il programma di Berlusconi (…) Avere cultura di governo non significa essere intruppati dal pensiero unico del capitale finanziario. C’è una sinistra che la domenica si commuove per il magistero radicale di Papa Francesco e nei giorni feriali si genuflette dinanzi ai profeti della diseguaglianza, della precarietà del lavoro, della privatizzazione dei beni comuni, della necessità delle trivelle, o del realismo del vendere armi all’Arabia Saudita o del finanziare i lager per migranti in Libia (…) Anche Di Maio è diventato renziano. Una pecorella con Confindustria, ma rumoroso con chi rappresenta il lavoro. Il suo è il ruggito del coniglio”. (intervista di Goffredo De Marchis – La Repubblica, 1 ottobre)

In altre parole, tutti e tre i suddetti “leader”, lungi dall’arginarlo, al contrario fanno del populismo il principale strumento politico e comunicativo. Paradossalmente, il fatto stesso che ognuno di loro se ne dichiari “unico” argine lo dimostra in modo lampante. Eugenio Scalfari nel suo ultimo editoriale domenicale scrive: “In un bel libro di Roberto Calasso uscito in questi giorni e intitolato L’innominabile attuale c’è una splendida immagine di Baudelaire con il quale il libro si chiude e che descrive purtroppo la situazione che stiamo vivendo: «Sintomi di rovina. Edifici immensi. Numerosi, uno sull’altro, appartamenti, camere, templi, gallerie, scale, budelli, belvedere, lanterne, fontane, statue. Fenditure, crepe. Umidità che proviene da una cisterna situata vicino al cielo. Come avvertire la gente e le nazioni?». Purtroppo le cose ora stanno così“.  Ecco, le cose stanno così, purtroppo, ed è meglio prenderne atto. La parola che definisce tutto ciò è una sola: decadenza. La verità è che si sta (de)cadendo; che si sta cadendo verso il basso. Verso ciò che è posto molto in basso e molto a destra, per dirla tutta.

Parlando di decadenza, viene in mente, com’è ovvio, il decadentismo; quindi D’Annunzio, ma soprattutto Oscar WildeIl ritratto di Dorian Gray (The Picture of Dorian Gray), romanzo scritto nel 1890. Esso narra di “un giovane di bell’aspetto, Dorian Gray, che arriverà a fare della sua bellezza un rito insano. Egli inizia a rendersi conto del privilegio del suo fascino quando Basil Hallward, un pittore suo amico, gli regala un ritratto da lui dipinto, che lo riproduce nel pieno della gioventù. Dorian comincia a guardare la giovinezza come qualcosa di veramente importante, tanto da provare invidia verso il suo stesso ritratto, che sarà eternamente bello e giovane mentre lui invecchierà. Colpito dal panico, Dorian arriva a stipulare una sorta di “patto col demonio”, grazie al quale rimarrà eternamente giovane e bello, mentre il quadro mostrerà i segni della decadenza fisica e della corruzione morale del personaggio”. Vi ricorda qualcosa?

Nel romanzo a un certo punto Lord Henry, mentore e ammiratore di Dorian Gray, gli regalerà un misterioso libro giallo di cui Wilde non fa il titolo. Si da’ però per scontato che si tratti di À rebours, un romanzo di Joris Karl Huysmans pubblicato nel 1884, noto in Italia anche con i titoli Contro corrente e A ritroso. Dorian baserà la sua vita e le sue azioni su questo “libro giallo“. Il romanzo “A ritroso“, che viene considerato il manuale del perfetto decadente, “si può definire la «storia di una nevrosi» vissuta da Jean Floressas Des Esseintes, nella Parigi fin de siècle. Educato dai padri gesuiti, unico erede dei beni dei genitori, di cui è rimasto orfano in giovane età, conclusi gli studi, Des Esseintes si immerge nella vita di Parigi; tuttavia, deluso dalla frivola mondanità della vita condotta con i suoi coetanei, il giovane aristocratico decide di sciogliere definitivamente ogni contatto con la società, ormai priva, ai suoi occhi, di qualunque attrattiva.

Si rifugia così in una villa nei pressi di un piccolo paese della campagna parigina, Fontenay, dove inizia il suo eremitaggio, a distanza da qualsiasi distrazione che gli possa offrire la civiltà, evitando il più possibile i contatti con i domestici e con il mondo esterno. A Fontenay Des Esseintes si dedica a soddisfare ogni suo desiderio e piacere: arreda la casa con una cura maniacale, scegliendo meticolosamente i colori e gli abbinamenti che più lo soddisfano; acquista una tartaruga e, insoddisfatto dell’accostamento dei colori di questa con quelli della sua abitazione, le fa incastonare sul carapace una composizione di pietre preziose accuratamente selezionate; allestisce una biblioteca contenente i volumi da lui preferiti, rilegati appositamente su carte pregiate, e così via. La sua vita scorre così tra la lettura, la degustazione di alcolici e bevande, la composizione di profumi e la cura delle piante.” (da Wikipedia)

Lo stesso Huysmans scriverà poi una “Prefazione dell’autore scritta vent’anni dopo il romanzo” che termina con queste parole: “In tanto disordine un solo scrittore vide chiaro, Barbey d’Aurévilly, che d’altronde, non mi conosceva affatto. In un articolo del Constitutionnel con la data 28 luglio 1884, e che è stato raccolto nel suo volume Il romanzo contemporaneo, apparso nel 1902, scriveva: ‘Dopo un libro tale non resta altro all’autore che scegliere tra la canna di una pistola e i piedi della croce.’

Già fatto.”

Mad Men, invece, è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2007 al 2015. Ambientata nella New York degli anni sessanta, la serie tratteggia le vite di alcuni pubblicitari che lavorano per l’agenzia pubblicitaria Sterling Cooper (poi Sterling Cooper Draper Pryce) di Madison Avenue, concentrandosi in particolare sulle vicende del suo direttore creativo, Don Draper. L’ambientazione della serie ritrae i mutamenti sociali in atto negli Stati Uniti in quel determinato periodo storico: fra gli eventi citati nel corso delle varie stagioni, la campagna presidenziale che contrappose John Kennedy a Richard Nixon (1960), la crisi dei missili di Cuba (1962), l’assassinio di Kennedy (1963), le lotte per la conquista dei diritti civili degli afroamericani. (da Wikipedia)

Si dirà: che c’entra Mad Men con il decadentismo, con i personaggi e gli autori descritti sopra? Eppure c’entra eccome, e non solo per la scelta che compirà Don Draper alla fine dell’ultima puntata. Anche in questo caso, mi guardo bene dal fare spoiler. Comunque sia, qualcosa si può dire: sempre di decadenza si tratta.

Outing

Come riportato dal dizionario online del Corriere della Sera, il termine “outing“, alla lettera, significa esternazione, rivelazione. Detto però in lingua inglese sembra molto più interessante. Perciò, essendo di per se né punto né poco interessante, il mio outing personale è il seguente: ebbene sì! per tutta la vita ho votato a sinistra, per una sinistra più o meno estrema, ma mediamente di tendenza riformista (craxiano-socialista però mai). Non ne sono certo ma penso anzi di aver votato una volta perfino per Matteo Renzi. Il quale nonostante tutto continua a dichiararsi progressista e udite udite di sinistra. E’ evidente che un tempo ci ho creduto anch’io.

Il fatto è che stavo concependo un post su tutt’altro argomento, quando disgraziatamente mi è capitato sotto gli occhi il biglietto riprodotto sopra, postato dal suddetto Renzi sui social per celebrare il suo successo nelle primarie dei tesserati del PD. Niente da fare, non mi è più riuscito di concentrarmi sull’argomento precedente (il mio post quindi è rimandato, il mondo se ne farà una ragione). Subito dopo infatti il mio pensiero si è fissato su una domanda che non sono più riuscito a togliermi dalla testa e a cui non so ancora dare una risposta, questa: come si fa a delegare la propria responsabilità politica e sociale a un tale che ritiene utile pubblicare un simile puerile messaggio?

Risulta evidente che il nostro “Matteo” non ha letto Orazio: “più che d’aver errato, mi vergogno / di non sapere agli errori porre un fine” (Epistole, I, XIV, 1-36). Come andrà a finire? Ai posteri l’ardua sentenza.

La politica del tram

tram

L’ ossimoro è una “figura retorica che consiste nell’unione sintattica di due termini contraddittori, in modo tale che si riferiscano a una medesima entità. L’effetto che si ottiene è quello di un paradosso apparente; per es.: lucida follia; tacito tumulto (G. Pascoli); convergenze parallele (A. Moro); insensato senso (G. Manganelli).”  (da Treccani.it). Anche “politico antipolitico” è un ossimoro, eppure negli ultimi anni, ma direi almeno due decenni, per fare carriera politica in Italia, paradossalmente,  bisogna incarnare proprio tale figura retorica.

Ieri sera il nostro Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervistato da Fabio Fazio nel corso della trasmissione “Che Tempo Che Fa”, discutendo naturalmente del referendum prossimo venturo, tra l’altro ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Se la gente vota no, non troverete un solo politico disposto a ridursi il proprio stipendio e il proprio incarico.” Tipica frase da bar, con tutto il rispetto dei bar, nei quali capita a volte di ascoltare ragionamenti molto più coerenti e disinteressati. Un ossimoro bello grosso, direi, il nostro Renzi, essendo il più importante politico italiano del momento.

A voler essere pignoli, poi, al nostro premier è riuscito un piccolo capolavoro di incoerenza (stavo per dire ipocrisia) in quanto con una stessa frase, peraltro breve, è riuscito ad unire al predetto ossimoro anche una bella antinomia nuova di zecca (L’antinomia – dal greco αντι, preposizione che indica una contrapposizione, e νομος, legge – è un particolare tipo di paradosso che indica la compresenza di due affermazioni contraddittorie, ma che possono essere entrambe dimostrate o giustificate. In questa situazione non è possibile applicare il principio di non-contraddizione – da Wikipedia)

Si tratta del classico caso del “paradosso del mentitore”: In logica il “paradosso del mentitore” (più propriamente “antinomia del mentitore”) è descritto come: data una proposizione autonegante come “Questa frase è falsa”, nessuno riuscirà mai a dimostrare se tale affermazione sia vera o falsa;

  • se infatti fosse vera, allora la frase non sarebbe veramente falsa (la verità della proposizione non invalida la falsità espressa nel contenuto della proposizione).
  • se invece la proposizione fosse falsa, allora il contenuto si capovolgerebbe (è come se dicesse “Questa frase è vera”) quando abbiamo appena affermato il contrario.” (da Wikipedia)

Molto più coerente e cinico di Renzi è invece un’altro famoso politico: Jean-Claude Juncker , presidente della Commissione europea dal 1º novembre 2014, il quale avrebbe serenamente dichiarato quanto segue: “Tutti noi (dirigenti della U.e.) sappiamo cosa si deve fare, soltanto non sappiamo come essere rieletti dopo che lo avremo fatto.” Così, giusto per generare qualche ulteriore dubbio sullo stato di salute delle cosiddette “democrazie occidentali”, che a conti fatti tanto democratiche non sembrano poi essere.

Al fine di evitare (o quantomeno ritardare quanto più possibile) l’avvento del prossimo Trump anti-establishment (ulteriore ossimoro antinomico) europeo, credo che l’unica ricetta sia quella suggerita in un bellissimo articolo di Paolo Rumiz pubblicato su “La Repubblica” il 10 novembre 2016. Il titolo, indovina un po’, è: “La politica del tram“. Ecco qualche estratto.

“Dopo aver dedicato una vita all’ascolto delle periferie, sono un po’ stufo dello sconcerto dei bempensanti per le bastonate elettorali inflitte dalle Destre al pensiero “no border”. Sempre la stessa scena, sempre lo stesso brusco risveglio davanti al caffellatte del mattino o al ritorno in ufficio. “Incredibile”, “Non me l’aspettavo”, “Voto shock”, “I sondaggisti hanno sbagliato”, eccetera.” (…) Se c’è una cosa che ho capito nella mia vita raminga, è che si impara più in tram che dalle analisi di un luminare, più dal bar d’angolo che da un costoso sondaggio. (…)

Quando mi spendo nelle scuole e parlo a aule piene di adolescenti spaesati, spesso saturi di web e senza più maestri nemmeno in famiglia, vedo che essi apprezzano due sole cose in chi li incontra. Non la competenza professorale, ma le scarpe impolverate e la passione ardente del cuore. È grazie a queste sole armi che vedo accendersi i loro occhi.

È quello il passepartout. Quello l’argine fondamentale all’imbarbarimento del linguaggio, alimentato dai “social” e dalla Tv spazzatura, che potrebbe portare molto male all’Europa e al mondo. Andate in tram, cari politici. O vi ci dovrete attaccare.”

Meglio di così non si poteva dire. Eppure lo scriveva già Ippolito Nievo nelle “Confessioni d’un italiano” (pubblicato nel 1858): “come negli individui, così nei consorzi e nelle istituzioni umane, senza il germe, senza il nocciolo, senza il fondo spirituale, nemmeno l’organismo materiale prolunga di molto i suoi moti. E se una forza estranea non distrugge violentemente i congegni, la vita a poco a poco s’affievolisce e s’arresta di per sé.”