Giù le mani da Philip Roth

Un paio di biografie sferrano un feroce attacco a Philip Roth. Il “misogino arrabbiato”, lo scrittore fissato con il sesso, il marito che andava a puttane (cinesi), e che ingannò la consorte Claire Bloom. Demolire i monumenti è sempre redditizio; la solita orribile farsa, vederla capitare tante volte non la rende meno ridicola, sciocca e malevola. “Ma davvero pensavano che Amanda Gorman fosse una grande poetessa, e Philip Roth invece un puttaniere di cui cancellare la memoria?”. Questo si chiederanno i posteri, e faremo la figura degli imbecilli.

Una voce solitaria

«Ha scritto canzoni di disarmante bellezza, espresso emozioni uniche e irripetibili, cambiato il volto della musica d’autore. Una rivoluzione silenziosa durata soltanto quattro anni. Nessuno all’epoca si accorse di lui. Per decenni la sua arte è rimasta tesoro custodito da pochi fan devoti.» (Ariel Bertoldo – Onda Rock) Nick Drake era un uomo di poche parole, ma ci ha lasciato tre magnifici album.

Odio gli indifferenti

«Vivere vuol dire essere partigiani. Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere cittadino, e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. L’indifferenza è il peso morto della storia. […] L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera.» (Antonio Gramsci)

Beata innocenza

Quale sarebbe la notizia? «Mi sono girato indietro e non c’era più nessuno?» Forse Zingaretti nel PD (e assimilati) non aveva abbastanza esperienza? Segretario nazionale della Sinistra giovanile, poi presidente dell’Unione Internazionale della Gioventù Socialista, poi eurodeputato al Parlamento europeo, quindi presidente della provincia di Roma, dopodiché presidente di regione Lazio e infine segretario del partito stesso. Stava ancora cercando di capire come funziona.

Rumore vuoto

“Il presente è rumore: milioni, miliardi di voci che gridano, tutte insieme in tutte le lingue e cercando di sopraffarsi l’una con l’altra, la parola “io”. Io, io, io… Per cercare le chiavi del presente, e per capirlo, bisogna uscire dal rumore.» (Sebastiano Vassalli) E invece ci prendiamo tutti troppo sul serio; parliamo troppo e tutti insieme; impegnati tutti a far rumore, ascoltiamo troppo poco. O addirittura – nonostante tutti i social e tutto il WEB – forse non ascoltiamo mai nessuno per davvero.

Fake news? Macché, high design

Nicola Zingaretti, invece di tenere a debita distanza certi cosiddetti “intellettuali di sinistra”, deve aver ascoltato i consigli di uno di loro. Ecco spiegato il tweet su Barbara D’urso. Forse è nato così, questo “storytelling dal design aerodinamico e adatto ad attraversare il Game” (!?), ma il cui contenuto è tutto sommato equivalente a quello della più famosa opera di Piero Manzoni.