Magìa

Fabio Concato incontra Fabrizio Bosso in una strepitosa versione di Gigi. Video prodotto in 4K in occasione del concerto “Fabio Concato incontra Fabrizio Bosso” tenuto al “Barclays Teatro Nazionale” (Milano – Novembre 2014).

Quel nefasto “Club 27”

«Club 27 (anche 27 Club o Club of 27) è un’espressione giornalistica che si riferisce ad alcuni artisti, in prevalenza cantanti rock, morti all’età di 27 anni. Con la variante J27 si fa riferimento al fatto che, oltre ad avere 27 anni, molti di loro avessero la lettera J come iniziale del nome o del cognome.» (da Wikipedia) Insomma: una vera tragedia per l’arte mondiale del ventesimo secolo, e oltre.

Una voce solitaria

«Ha scritto canzoni di disarmante bellezza, espresso emozioni uniche e irripetibili, cambiato il volto della musica d’autore. Una rivoluzione silenziosa durata soltanto quattro anni. Nessuno all’epoca si accorse di lui. Per decenni la sua arte è rimasta tesoro custodito da pochi fan devoti.» (Ariel Bertoldo – Onda Rock) Nick Drake era un uomo di poche parole, ma ci ha lasciato tre magnifici album.

Adagio, assai

Arturo Benedetti Michelangeli e Sergiu Celibidache: Piano Concerto in Sol (London Symphony Orchestra – London’s Royal Festival Hall, 1974). L’esecuzione di questa pagina di Ravel da parte dei due carismatici interpreti è tra le più memorabili.

È morto Chick Corea

Aveva 79 anni, e nella sua lunga carriera aveva suonato con la band di Miles Davis, che negli anni Sessanta riuniva i più grandi giovani talenti del jazz dell’epoca, prima di fondare la band dei Return to Forever e di accumulare nei decenni successivi un sacco di collaborazioni e premi, compresi 23 Grammy.

Cornelius

Vero nome Keigo Oyamada (小山田圭吾 – Tokyo, 27 gennaio 1969), è un musicista, compositore, disc jockey e produttore discografico giapponese. È uno dei più famosi, influenti ed importanti dj in attività e si esibisce in molte performance ogni anno nei locali di tutto il mondo con il suo gruppo, il Cornelius Group. (da Wikipedia)

Il principe

Dopo la morte di Prince è circolato online un tweet secondo il quale, quando gli venne chiesto come si sentisse ad essere il miglior chitarrista vivente, Eric Clapton avrebbe risposto: «Non so. Chiedi a Prince». Molto probabilmente la citazione è falsa. Però questa straordinaria esecuzione di “While My Guitar Gently Weeps” di George Harrison-Beatles al 2004 Hall of Fame Inductions del 2004 (con Tom Petty, Steve Winwood, Jeff Lynne e altri) in effetti qualche dubbio lo lascia.

Nascondino

Sulle scene da ben oltre un decennio, Imogen Heap rappresenta uno dei pochi casi di artista femminile che, nell’affollato panorama anglosassone, mantiene la propria individualità al di fuori delle mode del momento; oltre ad essere dotata di una voce molto particolare e di una spiccata originalità creativa, continua a scrivere e produrre canzoni pop intime e delicate di tutto rispetto. (Damiano Pandolfini)

Di volta in volta

Live Around the World è un album dal vivo di Miles Davis; contiene registrazioni effettuate dal 1988 al 1991. Questa versione di Time After Time è stata eseguita a Chicago il 5 giugno 1989. Da brividi.