L’età dell’innocenza

In un’opera breve, scritta dopo la guerra, “French Ways and Their Meanings” (Modi francesi e loro significati, 1919), Edith Warthon ricorda una conversazione avuta nel 1906 con William Dean Howells: «Avevamo parlato di quella strana esigenza del pubblico americano che costringe il drammaturgo (se è nelle sue intenzioni mettere in scena il proprio lavoro) ad animare la propria opera, qualsiasi sia il punto di partenza, con il “lieto fine della favole” […] “Sì,” disse il signor Howells “il pubblico americano vuole una tragedia con il lieto fine.” […] “Una tragedia con il lieto fine” è esattamente ciò che il bambino chiede prima di addormentarsi […] ma finché avrà bisogno di questo, continuerà a vivere come un fanciullo, in un mondo che non è altro che un giardino d’infanzia. Le cose non vanno sempre bene nel mondo, e tutti dobbiamo rendercene conto, crescendo. È proprio questa scoperta che fa crescere l’individuo, e finché non affronterà la questione e apprenderà la lezione, non sarà un adulto […]. La stessa cosa vale per i paesi e le persone. Una ‘vita protetta’, sia essa dell’individuo o della nazione, dovrà affrontare un risveglio violento o tragico, altrimenti non si risveglierà mai.»

La remissività è una colpa

Rispetto al secolo scorso, nel nuovo millennio sono specialmente mutate la posizione che la letteratura occupa nella società e l’uso che della letteratura stessa fanno gli attori sociali: per milioni di lettori, niente più che un passatempo. C’è tuttavia contraddizione tra i parametri di profondità e serietà delle opere di cultura e la dimensione di superficialità e leggerezza che siamo soliti attribuire allo svago. Per esempio: la grande letteratura moderna si è spesso distinta per i propri attacchi alle magagne dell’individualità e della società borghese. Ma può un passatempo dire di no? E cosa resta, oggi, di quell’individuo, e delle sue magagne? (Gianluigi Simonetti)

Il falò delle verità

L’Accademia è quel posto dove politici, scrittori, architetti si parlano tra loro e si convincono di essere i migliori del mondo. «Quando costruisci una realtà parallela, finisci per crederci. Putin è vittima della sua stessa propaganda. Perché dopo un po’ non ti rendi più conto che la propaganda è menzogna. Rinunci a esplorare il terreno, e ti chiudi nell’Accademia di cui parlavamo, quella in cui tutti si danno ragione» (Renzo Piano). Ovviamente il ragionamento non vale solo per il presidente russo, ma anche per chiunque ritenga di portarsi una volta per tutte la sua verità in tasca.

Il candido idiota

  Tra le molte opere di Dostoevskij che adoro, la preferita è senz’altro  L’idiota. La stesura di questo romanzo fu iniziata a Ginevra nel settembre del 1867, proseguì poi a Vevey (sul lago di Ginevra), poi a Milano, e terminò nel gennaio del 1869…